idee, consigli, informazione…perché le tue foto diventino tue opere d'arte!

Festa del lavoro: è la festa del 1 maggio!

Siamo soliti dire che il 1 Maggio è la festa dei lavoratori ma sarebbe più giusto dire che è la festa del lavoro. Sai come è nata la ricorrenza del 1 Maggio? Conosci la storia di questa festa?

Oggi la rubrica assume un taglio prettamente storico per scoprire perché il primo maggio è festa e da quando è festa nazionale nel nostro paese.

Non tutti sanno che questa festività purtroppo, ha origini tragiche, inserite nella storia di fine ‘800. Parliamo di un’epoca storica in cui non esistevano tutele per il lavoratori, soprattutto per gli operai. I turni di lavoro non esistevano e spesso si lavorava 14 o 16 ore senza pause o intervalli.

Le origini e la storia

Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire.

Questo motto, coniato in Australia nel 1855, fu condiviso dai movimenti sindacali alla fine dell’800 nelle manifestazioni dei lavoratori che faranno la storia di questa festa.

5 settembre 1882. A New York l’associazione “Knights of Labor” organizza la prima manifestazione dei lavoratori. E’ sostenuta dalle organizzazioni sindacali ed è istituita per ottenere diritti e riduzione dell’orario di lavoro.

Due anni dopo, la stessa associazione, approvò una risoluzione affinché l’evento avesse cadenza annuale.

E’ il 1886, a Chicago gli operai insorgono in uno sciopero generale per ottenere la riduzione dell’orario di lavoro a 8 ore. Dopo tre giorni la protesta viene repressa senza pietà con il cosiddetto massacro di Haymarket. Un’autentica battaglia tra lavoratori e forze dell’ordine che porta morte e feriti tra i presenti.

L’11 novembre del 1887 a Chicago (USA), in quattro furono impiccati per aver organizzato il 1º maggio dell’anno precedente.

Il 20 luglio 1889 a Parigi, la Seconda Internazionale socialista, riunita per chiedere alle autorità di ridurre la giornata lavorativa a 8 ore, accolse la data del 1 maggio come Festa del lavoro.

Nonostante l’opposizione di numerosi governi, fin dalla prima edizione del 1890, il 1 maggio registrò un’altissima adesione in tutto il mondo.

1 Maggio festa in tutto il mondo?

La festa del lavoro e dei lavoratori è il 1 maggio in tutto il mondo?

No. Nel nostro continente, ad esempio, fanno eccezione Olanda e Gran Bretagna. Nelle Americhe, invece, si distinguono gli USA e il Canada. Eccezioni anche in Giappone.

Vediamo insieme come, dove e perché.

Olanda: non ci sono feste laiche al di fuori del 27 aprile (festa del Re) e del 5 maggio (liberazione dai nazisti).

Gran Bretagna è il May day: fissato il primo lunedì di maggio. In questo modo la festa è sempre in un giorno lavorativo!

Negli USA, paese in cui si sono scatenate le prime lotte operaie, si sono inventati il Labor day. Lo festeggiano il primo lunedì di settembre. Stessa cosa in Canada.

In Giappone il 23 novembre si festeggia il Giorno del Ringraziamento per il Lavoro. Il 1 maggio non c’è astensione dal lavoro ma viene ricordato all’interno delle aziende con riunioni ed incontri.

Oceania: il quarto lunedì di ottobre, una festa pubblica è istituita per la festa del lavoro.

1 Maggio in Italia

In Italia il fascismo l’aveva abolita e aveva indetto come festa i Natali di Roma, che la tradizione voleva essere stata fondata il 21 aprile del 753 a.C.

E’ solo dopo la seconda guerra mondiale che verrà reintrodotta come festa nazionale (1945). Si ricorda in modo particolare la festa del 1 maggio 1947 perché ebbe una fine tremenda. A Portella della Ginestra (PA) la banda di Salvatore Giuliano sparò su un corteo di circa duemila lavoratori in festa uccidendone undici e ferendone una cinquantina.

Festeggiare per ricordare!

Il primo maggio, festa dei lavoratori, sarebbe più corretto ricordarla come Festa del lavoro.

In questa data andrebbero ricordati l’impegno dei movimenti sindacali e i traguardi raggiunti in campo economico sociale dai lavoratori, anche a rischio della vita.

1 maggio: festa del lavoro

Il Quarto StatoGiuseppe Pellizza da Volpedo – olio su tela – anno 1901

a cura di Cristina R.